13 Gennaio 2016  12:08

Ecodom, continua a crescere la raccolta di Raee

Roberta Broch
Ecodom, continua a crescere la raccolta di Raee

La Lombardia si conferma la regione più virtuosa, seguita da Veneto, Emilia Romagna e Toscana

Sono circa 78.400 le tonnellate di Raee trattate nel corso del 2015 da Ecodom, segnando rispetto all’anno precedente un incremento del 3,3%, con un risultato di particolare rilievo per i rifiuti del raggruppamento R2 (lavatrici, lavastoviglie, cappe, forni e scalda-acqua).

 

In dettaglio, i risultati relativi al raggruppamento R1 (frigoriferi e condizionatori) sono pressoché analoghi a quelli dell’anno precedente, con una raccolta di circa 34.800 tonnellate.

 

Il raggruppamento R2 ha fatto registrare un incremento del 6,8% rispetto al 2014, con un risultato che in termini assoluti (circa 43.000 tonnellate) sfiora il massimo storico registrato dal consorzio nel 2010. All’origine di questo risultato ci sono la diminuzione - accentuatasi ulteriormente a partire da giugno - del valore delle materie prime, che ha reso i Raee del raggruppamento R2 meno “appetibili” per il mercato parallelo, e l’aumento del valore dei premi di efficienza previsti dal nuovo Accordo di Programma, in vigore dall’inizio del 2015, tra le associazioni dei produttori, Anci, il Centro di Coordinamento Raee e le associazioni delle aziende di igiene urbana.

 

A livello territoriale, la Lombardia si conferma ancora una volta la regione più virtuosa in base ai quantitativi di Raee gestiti da Ecodom, con 16.660 tonnellate di apparecchiature trattate.

 

A grande distanza, al secondo posto della graduatoria si classifica il Veneto (con 7.786 tonnellate di Raee gestiti seguito dall’Emilia Romagna (7.653 tonnellate) e dalla Toscana (7.250 tonnellate)

 

Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom, commenta: "L’aumento della quantità di Raee gestiti dal Consorzio nel 2015 è certamente un fatto positivo perché le modalità di trattamento utilizzate dai fornitori selezionati rispettano gli standard ambientali più elevati a livello europeo. Non dobbiamo però dimenticare che nel nostro Paese mancano all’appello oltre due terzi dei Raee generati dai cittadini: questi rifiuti sono, con ogni probabilità, intercettati da soggetti interessati solo a massimizzare i propri profitti, senza curarsi delle conseguenze che un riciclo non corretto ha sull’ambiente. È un problema rilevante, di cui spero lo Stato Italiano vorrà farsi carico con tempestività ed efficacia; se necessario, anche attraverso modifiche della legislazione vigente: difficile, in caso contrario, che l’Italia possa raggiungere i nuovi ambiziosi obiettivi di raccolta stabiliti dall’ultima direttiva europea sull’argomento”.

 

 

Contenuti correlati : Raee Ecodom regioni rifiuti raccolta

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

ACCADDE OGGI

  • 19 Giugno 2018
    Ecolight a +6%
    Ecolight ha gestito nel 2017 quasi 24.500 tonnellate di rifiuti elettronici, il 6% in più rispetto all’anno precedente, con un tasso di recupero medio di oltre il 96% in peso.

Ricevi la Newsletter!

Bianco e Ped

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy