17 Maggio 2018  12:35

Cosa farà il nuovo governo per i Beni Culturali?

Silvia Mussoni
Cosa farà il nuovo governo per i Beni Culturali?

(Photo by Ernesto Ruscio/Getty Images)

La bozza di contratto tra M5S e Lega parla di cultura come risorsa per l’economia. Solo un accenno generico al cinema

In queste ore, tutti i giornali stanno scandagliando il contratto tra Movimento Cinque Stelle e Lega, siglato dai rispettivi leader Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che dovrebbe essere alla base del prossimo Governo. Lo abbiamo fatto anche noi sul tema del cinema a cui è dedicato solo un accenno generico. Pubblichiamo di seguito il capitolo 6, intitolato “Cultura”, dove si lascia intendere che non ci saranno tagli.

 

«Il patrimonio italiano rappresenta uno degli aspetti che più ci identificano nel mondo. Il nostro Paese è colmo di ricchezze artistiche e architettoniche sparse in maniera omogenea in tutto il territorio, e in ogni campo dell’arte rappresentiamo un’eccellenza a livello mondiale, sia essa la danza, il cinema, la musica, il teatro. Tuttavia, nonostante tali risorse l’Italia oggi non sfrutta a pieno le sue possibilità, lasciando in alcuni casi i propri beni ed il proprio patrimonio culturale nella condizione di non essere sfruttati a dovere.

 

I beni culturali sono uno strumento fondamentale per lo sviluppo del turismo in tutto il territorio italiano. Tuttavia lo Stato non può limitarsi alla sola conservazione del bene, ma deve valorizzarlo e renderlo fruibile attraverso sistemi e modelli efficaci, e grazie ad una gestione attenta ed una migliore cooperazione tra gli enti pubblici e i privati. Occorre mettere in campo misure in grado di tutelare il bene nel lungo periodo, utilizzando le risorse a disposizione in maniera virtuosa.

 

È necessario partire da un principio chiaro: la cultura è un motore di crescita di inestimabile valore, e certamente non un costo inutile. Tagliare in maniera lineare e non ragionata la spesa da destinare al nostro patrimonio, sia esso artistico che culturale, significa ridurre in misura considerevole le possibilità di accrescere la ricchezza anche economica dei nostri territori.

 

I nostri Musei, i siti storici, archeologici e UNESCO, inoltre, devono tornare ad essere poli di attrazione e interesse internazionale, attraverso un complessivo aumento della fruibilità e un adeguato miglioramento dei servizi offerti ai visitatori.

 

Tra le varie forme, d’arte lo spettacolo dal vivo rappresenta senz’altro una delle migliori eccellenze del nostro Paese. Eppure l’attuale sistema di finanziamento, determinato dalla suddivisione secondo criteri non del tutto oggettivi delle risorse presenti nel Fondo Unico per lo Spettacolo (FUS), limita le possibilità delle nostre migliori realtà e impedisce lo sviluppo di nuovi progetti realmente meritevoli. Riteniamo pertanto necessario prevedere una riforma del sistema di finanziamento che rimetta al centro la qualità dei progetti artistici».

Contenuti correlati : Cinema cultura governo

Commenti

Log in o crea un account utente per inviare un commento.

EDITORIALISTI

  • 18 Ottobre 2018
    Fate presto
    Ci siamo appena lasciati alle spalle il caso di Sulla mia pelle di Alessio Cremonini con tutte le conseguenze che ha...
Stefano Radice

ACCADDE OGGI

Ricevi la Newsletter!

Cinema

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy